APPEL À COMMUNICATIONS Colloque international jeunes chercheur·e·s en didactique des langues secondes ENJEUX DE L’ACQUISITION DES LANGUES SECONDES EN CONTEXTES MIGRATOIRES

INVITO A PRESENTARE CONTRIBUTI Convegno Internazionale Giovani Ricercatori in Didattica delle Lingue Seconde PROBLEMATICHE DELL’ACQUISIZIONE DELLE LINGUE SECONDE IN CONTESTI MIGRATORI

Metz, Francia, 21-22 settembre 2018

INVITO A PRESENTARE CONTRIBUTI

Convegno Internazionale Giovani Ricercatori in Didattica delle Lingue Seconde

PROBLEMATICHE DELL’ACQUISIZIONE DELLE LINGUE SECONDE IN CONTESTI MIGRATORI

Metz, Francia, 21-22 settembre 2018

Il convengo si colloca nel solco della precedente manifestazione di giovani ricercatori « l’enseignementapprentissage du FLE dans la perspective du CECRL en contexte non européen » (L’insegnamento/apprendimento del FLE, francese lingua straniera, nella prospettiva del quadro comune europeo di riferimento per l’apprendimento delle lingue applicato a contesti extra-europei), organizzato a Metz dall’Université de Lorraine il 28 e 29 settembre 2O17.

Le tematiche principali di tale convegno avevano permesso di gettare le basi per una riflessione più ampia sull’insegnamento-apprendimento delle lingue straniere/seconde. Il nuovo convegno giovani ricercatori si concentrerà sulle problematiche e gli aspetti didattici dell’apprendimento linguistico in contesti migratori.

I processi di mondializzazione che si accelerano in questo inizio di 21° secolo, così come i fenomeni di mobilità che ne conseguono, lanciano nuove sfide che richiedono risposte inedite in termini di politica di accoglienza e di integrazione delle popolazioni migranti.

Si tratta soprattutto, in una prospettiva di coesione sociale e di senso civico, di rispondere alle esigenze di formazione linguistica dei discenti-migranti: ne è la prova l’estensione dei programmi di apprendimento delle lingue proposti dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Erasmus +”, inizialmente destinati agli studenti europei, e che concernono da poco i discenti migranti e/o rifugiati. L’aumento delle domande di formazione didattica per le lingue seconde/lingue di scolarizzazione negli istituti scolastici evidenzia ulteriormente l’evoluzione delle preoccupazioni didattiche, allo scopo di rispondere alle molteplici esigenze di apprendimento degli alunni immigrati. Infine, vari percorsi linguistici relativi alla formazione e all’inserimento professionale dei migranti sono stati sviluppati in Europa, su iniziativa di enti pubblici (come nel caso del FLI, « français langue d’intégration », francese lingua di integrazione, in Francia 1 ), o di enti pubblici e privati (come nel caso dell’Italia 2 ).

Le esigenze formative dei discenti-migranti e i contesti nei quali si collocano sono quindi molto vari. Essi fanno (o faranno) sì che la didattica delle lingue e delle culture si interroghi su due aspetti : la presa in conto della varietà dei contesti socio-culturali e delle modalità di intervento, allo scopo di elaborare modelli d’azione coerenti con la realtà sociale.

 

Altre info nei PDF allegati in Italiano English Français