Bi/Multilingualism and the History of Language Learning and Teaching

Bi/Multilingualism and the History of Language Learning and Teaching

University of Reading, United Kingdom, 6-7 July 2018

http://www.hollt.net/uploads/7/3/1/6/7316005/reading_hollt_cfp[2].pdf

Call for Papers:
HoLLTnet international meeting
"Bi/Multilingualism and the History of Language Learning and Teaching"

 

 

Call for Papers

 

HoLLTnet international meeting: 

 

'Bi/Multilingualism and the History of Language Learning and Teaching' 

 

University of Reading, United Kingdom, 6-7 July 2018

 

HoLLTnet (www.hollt.net) is a Research Network of AILA (L'Association Internationale de Linguistique Appliquée). The Research Network was founded in 2015 to stimulate research into the history of language learning and teaching within applied linguistics internationally.

 

Building on several successful previous colloquia (www.hollt.net/events.html), this international conference aims to situate the history of language learning and teaching in the wider context of multilingualism across time and space.  Possible topics for contributions include, but are not limited to:

 

  • Bi/Multilingual dictionaries, grammars and other language-learning materials
  • Language learning and teaching in multilingual communities
  • Scholars of classical languages as learners of modern languages, and vice versa
  • Language learning and teaching in colonial contexts
  • The role of L1 in foreign language teaching
  • Polyglottism in the history of language learning
  • The role of translation and bilingual texts in language learning
  • Non-native speaker teachers in the history of language learning

 

All papers should be based on historical research.

 

If you would like to be considered for participation in the colloquium, please send your presentation title, your name, email address, institutional affiliation, and a 250-word abstract to r.mairs@reading.ac.uk by 23 February 2018.  Those sending proposals will be notified of the outcome as soon as possible after that date.

 

Further information on conference registration for those not presenting papers will be circulated in due course.

 

The event has been made possible by the generous support of the Centre for Literacy and Multilingualism (www.reading.ac.uk/celm/) and Department of Classics (www.reading.ac.uk/classics/) at the University of Reading.  The university campus has quick and convenient transport links to London and Heathrow and Gatwick Airports (www.reading.ac.uk/studyabroad/incomingstudents/practicalinformation/vso-howtogethere.aspx).

La punteggiatura italiana contemporanea nella varietà dei testi comunicativi

https://punteggiatura2018basel.com/

Programma

Programma del convegno in formato PDF

Relatori invitati

Ilaria Bonomi (Università di Milano)

Isabella Chiari (Università di Roma La Sapienza)

Michele Cortelazzo (Università di Padova)

Pierangela Diadori (Università per Stranieri di Siena)

Elena Pistolesi (Università di Modena e Reggio Emilia)

Enrico Testa (Università di Genova)

XVIII Congresso AItLA

XVIII Congresso AItLA 2018 - Lingue in contesto: la prospettiva pragmatica

Università degli Studi Roma Tre - 22-24 febbraio 2018

 
 
Congresso AItLA 2018

 
English          Français

__________________________________

Lingua in contesto: la prospettiva pragmatica

XVIII Congresso Internazionale
dell’Associazione Italiana di Linguistica Applicata
Università degli Studi di Roma Tre
22-24 febbraio 2018, Roma

__________________________________

 

Call for papers  |  Iscrizione  |  Programma  |  Sede  |  Alberghi

 

 
Invited speakers

Investigating pragmatic learning: Insights from the classroom and beyond 

 
I will focus on learning pragmatics in different contexts, pointing out the benefits of teaching pragmatics. I will also argue that pragmatic learning is constrained by learners’ characteristics, and shaped when the target language is used in authentic communicative contexts. I will start addressing the question of whether the English as a foreign language (EFL) classroom provides the theoretical conditions for pragmatic learning. I will focus on three aspects: a) the opportunities for developing pragmatic ability in EFL classrooms; b) whether or not pragmatic ability develops in classroom settings without instruction; c) and the effect of various instructional approaches. Then, I will refer to the research conducted in multilingual settings to evaluate to what the extent pragmatic learning is constrained by the nature of intervention or learners’ individual variables. Empirical evidence will be used to suggest the need to consider learners’ linguistic background as a variable, something that has frequently been ignored in second language acquisition oriented research. 
Taking into account the study abroad context, I will move from formal language learning contexts to real world language use. I will discuss why sociocultural behaviours and conventions of language used, previously taught in the classroom may be shaped when learners use language in real life interaction. Finally, I will encourage researchers to explore pragmatic learning in new environments, following mixed-method approaches, that is to say, using quantitative and qualitative data to offset the weaknesses of both quantitative and qualitative research alone, and triangulating results as much as possible.

Raffaele Simone

Operazioni pragmatiche sulla sintassi

Judith Rispens

Storytelling in children with developmental language disorders: A pragmatic and a cognitive perspective

A critical aspect of human communication is the ability to tell and understand stories. Narrative development is dependent on multifaceted linguistic skills (including vocabulary, syntax, semantics and pragmatics) and also non-linguistic skills such as planning, inhibition and memory. It is therefore not surprising that the development of narrative discourse follows an extended trajectory into childhood. Narrative ability is furthermore vulnerable in children with developmental language disorders such as specific language impairment and autism.
In this talk I will zoom in on pragmatic skills involved in storytelling and I will discuss narrative behavior in relation to pragmatic skills in children with developmental language disorders. I will further show that non-linguistic cognitive skills also contribute to storytelling and I will discuss data that suggest that weaknesses in these cognitive skills may be associated with poor narrative skills in children with developmental language disorders.

La pragmatica a scuola: tra ricerca e insegnamento

Coordinamento della tavola rotonda sul progetto "Oggi facciamo pragmatica, percorso di formazione e ricerca-azione nella scuola primaria" con Stefania Ferrari e Roberta Zanini
 
Dal punto di vista della ricerca acquisizionale è un dato accertato il fatto che imparare una lingua, sia essa L1 o L2, non significa solo acquisire lessico e grammatica, ma anche sviluppare la competenza pragmatica. Nella didattica della L2, questa consapevolezza si manifesta con attività di uso comunicativo della lingua e di riflessione metapragmatica, specialmente in alcuni materiali e percorsi didattici più innovativi, anche se in molti contesti l’insegnamento si concentra ancora essenzialmente su grammatica e lessico. Per quanto riguarda l’educazione linguistica in L1, o in generale quella che in Italia si chiama ‘l’ora di italiano’, invece, l’insegnamento della lingua tende a realizzarsi quasi esclusivamente attraverso la riflessione esplicita, intesa principalmente come analisi grammaticale, logica o del periodo. Tuttavia, si può osservare, in generale, una certa insoddisfazione da parte dei docenti di educazione linguistica rispetto al livello di competenza d’uso dei propri allievi. Ne consegue che, dal punto di vista dei docenti, diventa importante esplorare nuove strade per favorire lo sviluppo di una maggiore consapevolezza nei propri allievi rispetto all’abilità d’uso della lingua, vale a dire la capacità di adoperare l’italiano in modi diversi, a seconda del contesto, di chi parla, per quale scopo, con quale interlocutore. Come si può realizzare nella pratica didattica questo obiettivo importante dell’educazione linguistica? Come insegnare questa sorta di ‘grammatica all’opera nelle situazioni comunicative’? Come creare un ponte tra le conoscenze teoriche del ricercatore e i bisogni pratici del docente?
Il progetto che si mette al centro di questo tavolo di discussione tenta di dare alcune risposte concrete a queste domande. Oggi facciamo pragmatica consiste in un percorso di formazione e di ricerca-azione che coinvolge innanzitutto i docenti di area linguistica, affinché raggiungano una piena consapevolezza dell’importanza della dimensione pragmatica nella lingua e della necessità di dare spazio nella routine didattica a questa componente della competenza comunicativa. Accompagnati passo passo dal formatore-ricercatore, i docenti progettano e realizzano interventi di educazione linguistica in cui gli allievi, sia di L1 che di L2, possono osservare, sperimentare e sviluppare le loro competenze d’uso della lingua italiana. Basandosi sulla naturale capacità dei bambini di notare e riflettere sulle parole, proprio a partire dalla lingua in uso si stimolano riflessioni formali sofisticate, ma sempre funzionali al successo comunicativo.
Nel corso della presentazione, saranno illustrati il modello alla base degli interventi didattici realizzati e alcuni risultati delle sperimentazioni educative a cui hanno partecipato diverse classi della scuola primaria, lavorando su attività didattiche riguardanti azioni comunicative quali ‘fare una richiesta’, ‘dare del tu e dare del lei’ e ‘gestire il conflitto verbale’.
 

Convegno CIS-Università di Bergamo “La scrittura per l’apprendimento dell’italiano L2”

Convegno-Seminario "La scrittura per l'apprendimento dell'italiano L2"

Centro d'Italiano per Stranieri dell'Università degli Studi di Bergamo dal 6 all' 8 giugno 2018

 

 

Gentilissimi,
siamo liete di informarvi che il Centro d'Italiano per Stranieri dell'Università degli Studi di Bergamo promuove dal 6 all' 8 giugno 2018 il Convegno-Seminario "La scrittura per l'apprendimento dell'italiano L2".  
Vi inviamo il call for papers con preghiera di diffusione.
Ringraziando per l'attenzione, porgiamo distinti saluti.
Il comitato organizzativo
Roberta Grassi
Luisa Fumagalli

Centro di Italiano per Stranieri
Università degli Studi di Bergamo

III Giornate di Formazione per Insegnanti di Italiano L2/LS a Cipro

 

 

Picture

 

III Giornate di Formazione per Insegnanti di Italiano L2/LS a Cipro

​8 e 9 giugno 2018
Nicosia - Cipro

   

 
Le III Giornate di Formazione per Insegnanti di Italiano L2/LS a Cipro sono organizzate dalla Sezione di Italiano dell’Università di Cipro con la collaborazione dell’Ambasciata d’Italia a Nicosia.
Sebbene siano dirette a tutti coloro che si dedicano all’insegnamento dell’italiano come lingua straniera negli ambiti pubblici e privati, queste “Giornate di Formazione” sono aperte a chiunque insegni le lingue e non solo l’italiano come lingua straniera. L'evento si terrà in italiano ed è rivolto a tutti coloro che siano professionalmente attivi, a tutti gli studenti di laurea triennale, laurea magistrale, master, dottorato, ecc. e a chi è interessato all'insegnamento e all'apprendimento delle lingue. 

Il nostro scopo è quello di riunire la comunità degli insegnanti di italiano provenienti da Cipro e da altri paesi per condividere esperienze, instaurare nessi professionali e imparare un po’ di più del mondo che ci unisce: l’insegnamento dell’italiano come lingua straniera per poi tornare in classe carichi di nuove idee e progetti da condividere con i nostri alunni.

Le giornate consisteranno in una serie di laboratori e di esperienze pratiche nei quali si mostreranno proposte concrete, così come nuovi sviluppi tecnologici e metodologici nell’ambito dell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera.


 

 

Comitato organizzatore:
​Maria Gabriella Arru, Stefano Assolari, Rowena Burlenghi; Università di Cipro

Partecipazione

Vuoi proporre un laboratorio o un'esperienza pratica?

  • ​I laboratori avranno una durata di 60 o 90 minuti, a seconda della necessità di chi li propone. La tematica dei laboratori è libera e di carattere pratico.
  • Le esperienze pratiche avranno una durata di 45 minuti e la loro principale funzione è mostrare e condividere lo schema di una lezione modello.

I candidati non residenti a Cipro la cui proposta di laboratorio o esperienza pratica verrà accettata dovranno pagare la quota d’iscrizione. residenti beneficeranno di uno sconto del 30% sull’iscrizione.
​I materiali dei laboratori e delle esperienze pratiche saranno pubblicati in un dossier. I relatori dovranno pertanto inviare con un mese di anticipo i documenti che desiderano presentare, attenendosi alle linee guida che verranno comunicate.

*Si realizzerà la pubblicazione digitale degli Atti delle Giornate con ISBN

 

 

Periodo di invio delle proposte

La data ultima di invio delle proposte è il 25 marzo 2018. L’eventuale conferma di selezione della proposta di laboratorio da parte degli organizzatori avverrà entro il 1 aprile 2018.
Chi ha bisogno di chiarimenti o vuole inviare la propria proposta, lo pu
ò fare attraverso il seguente modulo:

 

In alternativa si può scaricare il modulo al seguente link e inviarlo all'indirizzo e-mail: italianlc@ucy.ac.cy
La data ultima di invio delle proposte è il 25 marzo 2018.

 

Seventh National Congress of Modern Languages

Seventh National Congress of Modern Languages "Heritage Languages - Educational Languages - Professional Languages" Pädagogische Hochschule Karlsruhe

Thursday, September 27 th to Saturday, September 29th, 2018

Call for Papers

 

The Seventh National Congress of Modern Languages will be held at the Karlsruhe University of Education.

The Congress will be a unique opportunity for foreign language teachers in primary, secondary and high schools, vocational schools, adult education, colleges, universities and other institutions to meet and discuss the latest developments in the teaching and learning of foreign languages. The Congress will provide keynote addresses, lectures and workshops in a number of panels that will explore practical and theoretical aspects of learning and teaching English, French, Spanish, Italian, Russian, Polish, Chinese, Dutch and German as a foreign or second language (see Programme Structure).

We are pleased to invite you and other foreign language specialists to contribute to the Congress with a lecture or workshop. If you wish to offer a contribution related to the congress theme, please indicate the target group. Please take into consideration that the majority of participants will be teachers from different types of schools.

To register please fill in the Registration Form and write a short Abstract of your contribution of about 150 words. Send both the registration form and the abstract in Word document format to the GMF Head Office by January 31st, 2018. Its address is provided in the registration form.

Please bear in mind that the Congress is organized by members of a non-profit association. We hope that you understand the fact that, for this reason, only members of the GMF will receive a certain financial bonus regarding congress fee and travel expenses.

We invite you to attend the grandest Congress of Foreign Language Teachers in Germany. Do not miss the opportunity to visit the evening social events too. Feel free to stay in Nuremberg for a longer time, and enjoy the great attractions of the city and the beautiful surrounding region.

The Congress Programme and the Registration Form for all participants are available by May/June 2018 on the website www.gmf.cc.

We are looking forward to meeting you at the Sixth National Congress of Modern Languages.

With very best wishes,

Prof. Dr. Olivier Mentz
President of the GMF

Prof. Dr. Christian Ludwig
Karlsruhe University of Education

le discipline glottologico-linguistiche tra ricerca e didattica, oggi

Convegno intersocietario

venerdì 9 Febbraio - Udine

Le discipline glottologico-linguistiche tra ricerca e didattica, oggi

Quali prospettive per gli humaniora?

Università degli Studi di Udine – Sala Convegni Roberto Gusmani Venerdì 9 febbraio 2018 - h. 9.15 -16.30

Il convegno si propone come momento di riflessione su alcuni temi che interessano l’ambito glottologico- linguistico e, più in generale, l’area delle discipline umanistiche. Attraverso un dialogo costruttivo con gli organi istituzionali quali il Ministero dell’istruzione, dell'università e della ricerca (MIUR), la Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI) e il Consiglio Universitario Nazionale (CUN), con il Consiglio nazionale dei garanti della ricerca (CNGR) e con l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR), le Società promotrici dell’evento, SIG insieme a SLI, DILLE, ASLI, AItLA e AISV, apriranno il dibattito su temicruciali per il nostro settore (ma non solo), come la valutazione delle riviste, dei progetti ricerca anche internazionali, della didattica; la formazione degli insegnanti; il dottorato di ricerca. Sullo sfondo del convegno c’è inoltre l’attenzione al complesso tema della riorganizzazione dei saperi che deve essere oggetto di vigile attenzione da parte delle nostre Società. Il convegno offrirà l’occasione per una ricognizione dei cambiamenti che hanno coinvolto i nostri campi disciplinari sia in materia di didattica che di ricerca, intorno alle quali apriremo il dibattito tra quanti interverranno all’iniziativa intersocietaria.

Il convegno prevede interventi istituzionali e due tavole rotonde con dibattito aperto al pubblico.

Interventi

Marco Mancini (MIUR, Capo Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca) Alberto F. De Toni (CRUI, Segretario generale)
Carla Barbati (CUN, Presidente)
Andrea Lenzi (CNGR, Presidente)

Andrea Graziosi (ANVUR, Presidente)
Guido Baldassarri (CUN, Coordinatore Comitato di Area 10) (da confermare) Michela Cennamo (ANVUR, GdL)
Marco Abate (CUN, Coordinatore Commissione didattica)
Francesca M. Dovetto (CUN, Vice Coordinatrice Commissione didattica)

Tavole rotonde

La didattica universitaria delle discipline glottologico-linguistiche e la formazione

all’insegnamento

Intervengono i Presidenti: AISV (Franco Cutugno); AItLA (Anna De Meo); ASLI (Rita Librandi); DILLE (Elisabetta Bonvino); SIG (Raffaella Bombi); SLI (Anna Thornton)

Tecnologie e metodologie per l'insegnamento nella didattica di base. Le discipline

glottologico-linguistiche

Intervengono: Tommaso Minerva (SIe-L, Presidente), Raffaella Bombi (e-Learning con Moodle); Giuliana Giusti (MOOC), Anna De Meo (CLAOR)

Locandina evento

Seminario in onore di Cristina Lavinio

Seminario in onore di Cristina Lavinio

Roma, 19 dicembre 2018

Facoltà di Lettere e Filosofia

Biblioteca di Glottologia (terzo piano)

Piazzale Aldo Moro, 5 - Roma

Seminario in onore di Cristina Lavinio

Roma, 19 dicembre 2018 - Ore 15:00

EDUCAZIONE LINGUISTICA, TESTUALITÀ E DIDATTICA

Intervengono:

Francesco De Renzo

Silvana Ferreri

Paola Giunchi

Emanuela Piemontese

Alberto Sobrero

Massimo Vedovelli

locandina seminario per Cristina Lavinio